Investire nel Forex è conveniente?

Investire nel Forex è conveniente?

Investire nel trading forex conviene? E’ sicuramente una domanda che molte persone si sono fatte prima o poi. Il forex trading è una tematica complessa, ma oggi se ne parla sempre di più, complice anche una grande diffusione di informazioni grazie al web.

79% des comptes des investisseurs particuliers perdent de l’argent en tradant les CFD avec ce fournisseur.
Note: 54 votes

Investire nel trading forex conviene?

E’ sicuramente una domanda che molte persone si sono fatte prima o poi. Il forex trading è una tematica complessa, ma oggi se ne parla sempre di più, complice anche una grande diffusione di informazioni grazie al web. Con lo sviluppo di internet e della tecnologia, sempre più persone si sono interessate a come diventare dei trader ed iniziare a fare trading forex.

Ma cosa è il trading forex? Come funziona, come investire e soprattutto: conviene investire nel trading forex oppure non conviene affatto? 

Innanzitutto bisogna premettere che l’attività di trading forex è assolutamente legale ed autorizzata, benché bisogna sempre fare attenzione ad operare su una piattaforma che abbia le autorizzazioni previste dalla legge. Il trading forex, quindi, non è affatto una truffa: è un’attività di investimento come ve ne sono molte altre, più o meno complesse. L’importante è scegliere dei broker sicuri ed affidabili per fare trading forex, che abbiano le licenze previste dalla legge per operare in Italia e che abbiano delle giuste recensioni. 

Ottimi broker, ad esempio, sono eTORO, una piattaforma che ha tantissimi iscritti proprio perché è di alta qualità, ed Alvexo, con ottime referenze e licenze. Questi sono solo due tra le migliori piattaforme di trading online.

Ma torniamo all’argomento principale: prima di sapere se sia conveniente o meno investire con il trading forex, è necessario conoscere il forex. Bisogna sapere che tipo di attività di investimento è, in che consiste, come si opera, quali sono le sue caratteristiche che lo distinguono dal mero trading. 

Cos’è il trading forex: le basi

Il forex è un nome-sigla che sta per Foreign Exchange Market. In sostanza, il forex è un mercato valutario con tassi di cambio continuamente variabili: storicamente è nato nel 1971, dopo gli accordi del 1944 chiamati accordi di Bretton Woods per stabilizzare le valute di tutto il mondo ed impedire le eccessive speculazioni. Gli accordi in questione avevano previsto tassi fissi con il dollaro, che a sua volta era (ed è ancora) connesso all’oro. Il presidente Nixon però decise poi di slegare il dollaro dall’oro e quindi mise la parola fine agli accordi Woods. Poi nacque il Forex, che è un mercato delle valute che permette di alterare il valore delle valute in modo personalizzato, e basilarmente secondo le regole della domanda-offerta nel mercato. 

Il Forex è il mercato delle valute.

Oggi come oggi, il mercato del forex è il più grande ed è il più liquido a livello internazionale. 4mila miliardi di dollari vengono scambiati ogni giorno sul mercato del forex che è attivo 24 ore su 24 in tutti i Paesi del mondo, con tantissimi operatori azionari che si connettono dai principali centri finanziari del globo per comprare e vendere valute e speculare. Ovviamente il trading forex è un mercato del rischio, ma è più accessibile rispetto al semplice trading per il fatto che, come si dirà, questo mercato è aperto cinque giorni su 7, e 24 ore su 24. Il mercato del trading forex, in sostanza, non dorme davvero mai tranne che nel fine settimana. 

Come si fa trading forex, quali sono le valute? 

Le coppie di valute principali nel trading forex sono la coppia euro dollaro, nota con la sigla EUR/USD, una delle coppie più scambiate e più importanti a livello internazionale per l’influenza dell’Unione Europea e degli Usa a livello economico. Basti pensare che il 39% degli scambi sul trading forex sono nella coppia EUR/USD, tuttavia questo non significa che le altre valute vengano ignorate, anzi. Però il dollaro è la moneta con la quale si scambiano molte materie prime. 

Sono valute importanti anche la GBP, ovvero la sterlina britannica, ed il JPY, lo yen giapponese. Il cambio fra euro e sterlina ha avuto un’altissima volatilità durante la Brexit: cogliere al volo le notizie geopolitiche che hanno influenza diretta sul valore delle valute è uno dei modi di investire nel trading forex più complessi ma anche potenzialmente più remunerativi (o pericolosi, guardando all’altro lato della medaglia). 

Ci sono anche molte altre coppie di valute secondarie, come il CAD, o dollaro canadese, l’AUD, il dollaro australiano, l’NZD, il dollaro neozelandese. Insomma, per investire nel trading forex è necessario conoscere abbastanza da vicino il rapporto di valute: un’altra valuta abbastanza scambiata è il CHF o franco svizzero, che viene scambiata col dollaro Usa e con l’Euro, ma bisogna conoscere anche lo Yuan cinese, dato che la Cina è una delle potenze mondiali emergenti, o il peso messicano o MXN, che viene scambiato col dollaro americano. Quando gli Stati sono confinanti e vicini, è normale che le loro valute vengano negoziate assieme. Le coppie di valute possono influenzare, aumentare o diminuire le probabilità di guadagno del forex trading, quindi bisogna cercare di conoscerle con attenzione. I cross, o coppie di valute, possono fare la differenza nell’investimento: come abbiamo visto la coppia più venduta è quella euro/dollaro, ma anche GBP/USD è estremamente scambiabile. In ogni caso, il forex trading permette di operare su tutte le coppie di valute che si vogliano, quindi è possibile personalizzare al massimo il proprio investimento.

Sono davvero numerosissimi gli strumenti finanziari che vengono usati nel trading forex, uno di essi è il CFD o contratti per differenza. Questo strumento finanziario è abbastanza complesso e pericoloso, e in sostanza permette al trader di guadagnare dalla differenza fra il valore iniziale e finale di un certo tasso di cambio. 

Per poter investire al meglio nel trading forex è necessario anche elaborare delle strategie vincenti, e per farlo bisogna saper fare una buona analisi tecnica e fondamentale. Per far sì che il guadagno nel forex sia davvero una prospettiva realistica, insomma, è necessario saper fare l’analisi tecnica. E’ possibile studiare attraverso materiali online o libri sul Forex e sulla Borsa.

L’analisi tecnica non è altro che la c.d. analisi grafica, cioè lo studio dei grafici che si basano sull’andamento precedente del mercato. Molti movimenti del prezzo delle valute, infatti, non sono affatto casuali ma seguono degli schemi più o meno ripetitivi, quindi conoscere il mercato e le precedenti fluttuazioni delle monete può dare una mano sotto questo punto di vista. Guadagnare, nel forex trading, non è del tutto aleatorio. Il forex non è una scommessa: infatti la maggior parte delle operazioni si basa su calcoli e strategie che prendono piede dalla valutazione della realtà e del passato, per mezzo dell’analisi tecnica e fondamentale. Grazie allo studio dei movimenti delle valute nel passato, è possibile rendersi conto che esistono delle dinamiche che si ripetono, le cosiddette tendenze. Con l’analisi grafica si scoprono i supporti e le resistenze dei prezzi, cioè il limite minimo ed il limite massimo che sono raggiunti dai prezzi. Analizzare il mercato permette di comprendere, nei limiti ovviamente del rischio del forex trading, quale potrà essere la futura tendenza. Ecco perché rimanere aggiornati è molto importante.

L’analisi fondamentale invece nel trading forex si basa sulle notizie che riguardano in modo diretto o indiretto le valute. Ad esempio le politiche monetarie ed i tassi decisi dalle banche centrali sono direttamente influenti sull’andamento del mercato forex. Se le banche centrali decidono di aumentare i tassi di interessi, la valuta di riferimento potrebbe alzarsi; se si abbassano, anche il valore della valuta può abbassarsi. Tutti i dati economici e le news di rilievo che possono riguardate le valute sono i c.d. market mover, cioè sono delle notizie che possono muovere e condizionare i prezzi delle valute sul mercato. Bisogna quindi tenersi continuamente aggiornati su questi elementi se si vuole conoscere al meglio gli spostamenti futuri del mercato. 

La leva finanziaria nel trading forex

Ma non si tratta dell’unico strumento per guadagnare nel trading forex. Chiunque sia agli inizi nel forex ed abbia a disposizione un capitale molto piccolo, può sfruttare un istituto davvero utile come la leva finanziaria per poter aumentare potenzialmente i suoi guadagni (ma attenzione, anche le perdite). La leva finanziaria consiste in uno strumento messo a disposizione da alcuni broker online, e che consente ad un investimento di diventare maggiore (in modo da incrementare potenzialmente il ricavo) grazie ad una sorta di prestito che viene effettuato da parte del broker. Ad esempio se la leva è pari a 30:1, un investimento di 100 euro diventa un investimento di 3mila euro, con la conseguenza che se l’investimento va a buon fine, il guadagno è potenzialmente altissimo. Tuttavia lo stesso ragionamento vale anche per le perdite, di conseguenza è necessario tenere da conto questo elemento e valutare molto bene se usare o non usare la leva finanziaria quando si vuole investire. Infatti l’uso della leva, in caso di perdita, può far arrivare davvero vicini all’azzeramento della somma investita. 

Investire nel forex: quali sono i vantaggi?

Fatta la presentazione sul forex trading, su come funziona questo mercato, andiamo al cuore della questione e cerchiamo di rispondere alla domanda: investire nel forex trading conviene oppure no?

Ovviamente, questo lo sappiamo, il forex trading è un’attività di investimento e quindi è rischiosa, c’è poco da fare.

Tuttavia questa attività di investimento comporta anche degli indubbi vantaggi, cioè degli elementi di forza che chiunque sia interessato ad investire con il forex trading deve assolutamente conoscere. Questo mercato è particolarmente aperto a chiunque voglia diventare trader perché offre davvero la possibilità a tutti di raggiungere la cima, con un adeguato studio e preparazione tecnica. Il fatto che il mercato del forex trading sia aperto davvero a tutti è chiaro perché il deposito minimo delle piattaforme broker per cominciare a fare forex è davvero molto basso, e quindi alla portata di tutti. Questo è un grande vantaggio per chiunque voglia lavorare con il forex trading.

Comunque il forex trading è un mercato che offre una serie di vantaggi a chi voglia cominciare anche con un minimo investimento, ad esempio la leva finanziaria che è uno strumento che permette di incrementare il proprio investimento anche di cento volte, in modo da aumentare il denaro a disposizione. Il meccanismo della leva è il fulcro del forex trading e senza di esso ben pochi investirebbero, non tutti hanno 100mila dollari/euro a disposizione da investire, no? Questo non è certo l’unico vantaggio di questo mercato, andiamoli a vedere tutti per rispondere alla domanda fondamentale: perché conviene investire con il forex trading?

  • La leva finanziaria. Ne abbiamo già ampiamente parlato: questo è uno strumento centrale, il cuore del mercato del forex trading, perché permette a tutti – anche a chi comincia con un deposito minimo, poniamo di 100 euro – di potersi aprire delle posizioni interessanti nel forex trading. La leva finanziaria permette di incrementare notevolmente i guadagni che si possono ottenere, grazie ad un prestito da parte del broker che permette di alzare l’investimento moltiplicandolo anche per decine di volte. Attenzione, però, la leva finanziaria ha i suoi indubbi pro, ma anche contro. Infatti bisogna considerare che si tratta di uno strumento abbastanza pericoloso perché consente anche di incrementare le perdite, si potrebbe perdere tutto quello che si ha investito: quindi è uno strumento da utilizzare con la massima attenzione e prudenza, e non a caso.
  • La liquidità del mercato impedisce di stare senza una posizione. Il mercato del forex trading è talmente liquido ed ampio, con migliaia di persone che in tutti i fusi orari e di giorno e di notte piazzano, comprano e vendono valute, che restare senza attività è praticamente impossibile: non si rimane mai ‘stagnanti’ in una posizione perché c’è sempre qualcuno che vuole comprare le tue valute.
  • Il mercato è aperto 5 giorni su 7 e 24 ore su 24. Il più grande mercato liquido del mondo è quello del forex trading ed è aperto davvero cinque giorni a settimana, quindi è chiuso solo il weekend, ed inoltre è aperto giorno e notte. Si può investire in qualsiasi momento, in svariati orari del giorno, ma conoscendo il mercato del forex trading bisogna sapere che alcuni orari sono più prolifici per l’investimento. Ad esempio fra le 14 e le 17 c’è moltissima attività perché sono aperte le piazze di Londra (che da sola fa il 37% dei volumi scambiati con forex trading) e New York. Insomma, questi sono gli orari migliori per operare in un mercato rapido e liquido, e poi man mano che andrete avanti scoprirete anche tanti altri piccoli trucchi sulle modalità ed orari migliori per fare forex trading.
  • Il forex trading non ha nessuna sede fisica. Non c’è una sede principale per operare gli scambi del forex trading, che è un mercato OTC, Over the Counter, per il fatto che non ha nessuna sede fisica, e che le transazioni non sono regolarizzate da nessun organo, ma si svolgono semplicemente secondo le regole della domanda offerta. Per quanto concerne la regolamentazione del mercato del forex trading, ogni Stato è a sè perché non esiste una regolamentazione sovranazionale che gestisca questo mercato. Il forex trading ha moltissime oscillazioni giornaliere ma non subisce nessuna manipolazione esterna, quindi le regole di questo mercato sono sostanzialmente autonome.
  • No alle commissioni da pagare. Sicuramente uno dei grandi vantaggi del forex trading consiste nel fatto che non ci sono commissioni da pagare e questo rende tale mercato uno dei più scelti dai trader di tutto il mondo. Altri mercati prevedono un costo fisso di commissione per ogni operazione che può variare da poche decine di dollari fino a 100 dollari, e questo sicuramente incide sull’investimento. Invece nel forex trading il broker guadagna, ovviamente, ma sullo spread fra il prezzo di vendita ed il prezzo di acquisto delle valute, e lo spread medio si attesta sulle tre pips (pochi centesimi). Lo spread è costituito dalla differenza di prezzo di vendita e quello di acquisto ed è il guadagno del broker, ed è assolutamente conveniente per chi decide di operare nel mondo del forex trading.
  • Possibilità di cominciare con il minimo investimento. Un altro elemento molto vantaggioso che porta tanti trader a lavorare sul forex trading consiste nella possibilità di partire con un investimento minimo, anche di 25 dollari in alcuni casi. Chiunque, davvero chiunque può iniziare a fare forex trading con un piccolo investimento e poi cercare di rifarsi usando (con criterio) la leva finanziaria.
  • Il demo gratis. La maggior parte dei broker permette a chi si iscrive di usare una piattaforma di demo gratis per imparare a fare forex trading. L’elemento che distingue la demo dal mercato reale consiste solo nel fatto che nella demo si usano soldi virtuali per investire, spesso un piccolo deposito è fornito direttamente dalla piattaforma quando si crea un conto. La demo è uno strumento importantissimo non solamente per chi è alle prime armi e vuole cominciare a muovere i primi passi nel mondo del forex trading, ma anche per chi è più esperto e voglia vagliare qualche nuova strategia senza rischiare dei soldi reali. Insomma, è una vera palestra per il trader e conviene approfittarne. 

Investire nel forex trading conviene?

Fatta questa presentazione sul sistema del forex trading, su come funziona questo mercato, è necessario domandarsi se investire nel forex trading convenga o meno.

Innanzitutto, chiarito che si tratta di un sistema completamente legale, è bene ricordare che come ogni attività di investimento essa comporta dei rischi. Di conseguenza vale la pena considerare che i rischi ed i pericoli sono insiti in ogni attività di investimento, che è più o meno aleatoria – anche se lo studio dei mercati, l’analisi grafica e fondamentale permette di effettuare investimenti oculati e soprattutto mirati, mai a caso – ma è comunque un elemento del quale tenere conto.

Quindi investire nel forex trading conviene se si cerca un’esperienza stimolante, ma si hanno comunque le basi teoriche e pratiche che sono necessarie per affrontare la questione.

Anche i Bitcoin sono una criptovaluta su cui si può speculare.

Il forex trading ha degli svantaggi?

Per diventare trader è necessaria una formazione davvero adeguata che sia in grado di affrontare tutte le problematiche che anche il forex trading mette in atto. Comunque, se decine di migliaia di persone in tutto il mondo, tutti i giorni, lavorano con il forex, evidentemente la possibilità di guadagno c’è. Il guadagno non è facile, né scontato, perché si tratta di una attività di investimento, ma imparando le basi e le tecniche del forex trading ovviamente aumentano le possibilità di diventare dei veri professionisti. Non bisogna mai improvvisarsi trader, altrimenti i rischi della delusione e della perdita di denaro sono dietro l’angolo. Nonostante il forex trading possa essere portato avanti contestualmente ad un altro lavoro, anche fare il trader è un lavoro: occorre preparazione e informazione, bisogna essere pronti e preparati, sia in pratica che in teoria.

Abbiamo visto che sono davvero numerosi i motivi per cui il mercato del forex trading è considerato estremamente vantaggioso e viene scelto da numerosissimi trader. Ovviamente però dopo aver visto tutti i vantaggi del forex trading, è necessario chiedersi: ci sono anche degli svantaggi nel fare forex trading oppure no? E nel caso, quali sono? Le difficoltà si possono incontrare nel forex trading come in ogni altra attività di investimento che, lo vogliamo ricordare ancora, è sempre rischiosa in re ipsa. Ogni investimento è potenzialmente vantaggioso e potenzialmente pericoloso. Ovviamente anche se il forex trading è vantaggioso sotto diversi punti di vista, non bisogna mai sottovalutare che si tratta a tutti gli effetti di una attività di investimento, il nostro consiglio è quello di evitare coloro che promettono guadagni facili o peggio ancora sicuri. Non esiste nessun guadagno facile e nessun guadagno sicuro quando si parla di investimento, e bisogna sempre valutare se convenga o meno investire. Tante pubblicità spesso dipingono il mondo del forex trading come un mondo dove è facile fare soldi, ma non è così. Abbiamo parlato di formazione tecnica e formazione pratica appunto perché fare fortuna nel campo del forex trading richiede delle solide basi, la fortuna è l’1% dell’investimento mentre il resto è solida preparazione e studio dell’analisi tecnica e fondamentale. Quindi non fatevi mai ingannare da chi promette risultati enormi e sicuri, perché non è così. Se però si investe nella propria formazione, si studia il mercato e si comincia con investimenti che si è sicuri essere alla propria portata, non abusando mai della leva finanziaria, è possibile cominciare a vedere le prime soddisfazioni che saranno decisive per aiutarvi nel percorso per diventare un trader professionista a tutti gli effetti.